Euro Digitale: dalle consultazioni feedback negativi

Dopo una decina di giorni rispetto all’apertura delle consultazioni circa l’eventuale implementazione dell’euro digitale, cominciano ad esserci circa 12.000 feedback. E pochi di questi sembrano essere feedback positivi.

Poche settimane fa, infatti, l’Europa aveva riaperto la discussione sull’introduzione della CBDC. Come già descritto, l’argomento è riemerso di recente. Tutto attraverso una nota pubblicata il 5 Aprile 2022 da parte del Dipartimento della Stabilità Finanziaria.

Questa nota ha aperto un periodo di consultazione che durerà fino al 14 Giugno 2022. Una consultazione che includerà diversi attori. Tra questi troviamo le istituzioni di credito e specialisti di soluzioni di pagamento. Saranno anche incluse associazioni dei consumatori e retail. Oltre a queste, supervisori del mondo dell’antireciclaggio di denaro.

Leggi anche: Euro Digitale – l’Europa riapre la discussione

I feedback negativi

Da quello che si legge nella sezione dei commenti sul sito della Commissione Europea, le persone non stanno aspettando con gioia l’avvento dell’euro digitale. È curioso notare che il 46% delle interazioni arrivano dalla Germania. Una delle ragioni può attribuirsi alle recenti divulgazioni scandalizzate di Patrick Hansen.

Dopo l’introduzione della nota da parte del Dipartimento di Stabilità, infatti, Hansen aveva messo le persone in guardia. In un feroce thread di Twitter, aveva spiegato come l’Europa miri sempre di più al controllo e sorveglianza della popolazione. Questo, in realtà, riguardava in primis l’emendamento che aveva come oggetto i wallet non custodial.

Sembrerebbe, in particolare, che il Parlamento Europeo stia pensando di includere i wallet non custiodial nel pacchetto degli AML. Si tratta di una categoria di norme volte a scongiurare il rischio di reciglaggio del denaro (anti-money laundering). In generale, le proposte farebbero parte delle norme inserite nel Transfer of Funds Regulation (TFR).

Leggi anche: Unione Europea tenta di reprimere i wallet non custiodial?

Libertà in pericolo?

La maggior parte dei commenti fa capire una paura generalizzata. Una paura nei confronti delle proprie libertà e diritti. La paura di una sorveglianza di massa è ora concreta.

“Dopo tutto quello che è successo in Canada dopo le manifestazioni dei camionisti, è chiaro che l’euro digitale significa la fine della libera democrazia. Ecco perché sono contrario.”

Come scrivevamo nell’articolo precedente riguardo queste consultazioni, sembra quasi che l’Europa voglia replicare il modello cinese. Anche questa è una dinamica di cui le persone si stanno accorgendo.

“No, no, no all’euro digitale. La dipendenza dall’elettricità è troppo grande. Può anche essere utilizzato per installare un sistema di credito sociale come quello in Cina. Respingo il sistema comunista: la dittatura.”

La cosa sorprendente è che davvero la maggior parte dei commenti ha come oggetto sempre lo stesso tema.

“Respingo l’euro digitale, perché apre le porte alla sorveglianza totale.”

Stay in the Loop

Get the daily email from CryptoNews that makes reading the news actually enjoyable. Join our mailing list to stay in the loop to stay informed, for free.

Latest stories

- Advertisement - spot_img

You might also like...