El Salvador vuole diventare la nazione della libertà

La Republica di El Salvador continua a far parlare e, diciamolo, ad essere ammirata soprattutto dalla community crypto. Su twitter cominciano ad arrivare post di persone che dichiarano, anche ironicamente, di volersi trasferire nello stato guidato da Nayib Bukele.

Bukele, il Presidente di El Salvador, è ormai diventato una star. Viene visto come un simbolo non solo di innovazione e coraggio ma anche di libertà. Possiamo quasi dire, in pratica, una sorta di personificazione dei valori di Bitcoin. Ovviamente, non è visto da tutti come un eroe. Il Fondo Monetario Internazionale, ad esempio, ha criticato molto la scelta del Presidente di rendere Bitcoin una valuta a corso legale nel Paese. Non solo, il FMI aveva esplicitamente sollecitato El Salvador a rimuovere Bitcoin come moneta legale, giudicandola assolutamente inadatta per adempiere a tale scopo. Tuttavia, Bukele non ha fatto marcia indietro.

La scelta di El Salvador

El Salvador, lo scorso Settembre, è ufficialmente entrata nella storia grazie alla scelta di adottare Bitcoin come valuta a corso legale nel Paese (congiuntamente con il dollaro). Nonostante il fatto che il prezzo di Bitcoin sia sceso parecchio nell’arco degli ultimi mesi, Bukele dichiara che la scelta ha ben pagato.

“Il PIL di El Salvador è cresciuto del 10,3% nel 2021.”

Specifica, inoltre, che le esportazioni sono aumentate del 13%. Interessante notare che prima dell’introduzione di Bitcoin come moneta legale, El Salvador non avesse mai avuto una crescita del PIL a due cifre.

Ricordiamo che l’economia di El Salvador è da considerarsi piuttosto instabile, così come la sua situazione politica. Si tratta di un’economia principalmente basata sul commercio (ma le importazioni superano di molto le esportazioni) e sulle commesse.

El Salvador: creeremo un paradiso di libertà

Ma le innovazioni in El Salvador stanno continuando. In un recente annuncio proprio il Presidente di El Salvador ha dichiarato di aver presentato ben 52 riforme al Congresso con lo scopo di ridurre la burocrazia del Paese, fornire incentivi fiscali e contratti di stabilità. La riforma più interessante riguarda forse l’idea di concedere la cittadinanza a persone straniere che scelgono di investire nello Stato.

“Il piano è semplice: mentre il mondo cade nella tirannia, noi costruiremo un paradiso per la libertà.”

L’introduzione dei Bond Bitcoin

Recentemente El Salvador ha anche annunciato la futura emissione dei “Bitcoin Volcano Bond”. Si tratta di una operazione del valore di circa un miliardo di dollari. Secondo il piano, i profitti creati dai bond andranno a finanziare la Bitcoin City. Si tratterebbe della prima città nel mondo che gira attorno al mondo finanziario creato da Bitcoin. Un vero e proprio sogno che, però, Bukele ritiene assolutamente realizzabile. Una città che possa formare ed educare le persone verso il mondo tecnologico, alimentata ad energia geotermica. Ci saranno ovviamente complessi abitativi, centri commerciali e ristoranti.

Tasse? No. I cittadini dovranno solo sostenere l’IVA utile per finanziare le infrastrutture e la manutenzione della città.

La strada da percorrere

Per certi versi El Salvodor non può che essere un esempio da seguire. Sempre che altri Paesi reputino la reale libertà delle persone come qualcosa di vantaggioso. È tuttavia doveroso specificare che non è tutto oro quello che luccica. Voler far raggiungere la libertà finanziare del proprio popolo è certamente nobile. Ma El Savador, probabilmente, dovrebbe anche concentrarsi sui diritti umani di base, combattere la corruzione e costruire un sistema economico stabile. Ad esempio, sarebbe bello se Bukele presentasse anche una riforma che eviti i 40 anni di galera ad una eventuale donna (anche vittima di stupro) che sceglie di abortire.

Stay in the Loop

Get the daily email from CryptoNews that makes reading the news actually enjoyable. Join our mailing list to stay in the loop to stay informed, for free.

Latest stories

- Advertisement - spot_img

You might also like...