Crescita di Bitcoin: possibili spiegazioni e scenari

È possibile innanzi tutto constatare una importante crescita di Bitcoin a partire dai suoi volumi scambiati. L’avvento della guerra, infatti, ha portato un forte innalzamento dei volumi che sono arrivati ad un equivalente di circa 10 miliardi di dollari. Questo è quanto afferma Arcane Research in un suo ultimo report. Si tratta, in particolare, dei valori registrati più alti da Dicembre 2021.

La dinamica Russia – Ucraina

Questo ovviamente può essere dovuto alla raccolta fondi in Ucraina. Anche il generale incremento di domanda causato da una politica che dimostra sempre più chiaramente quanto sia in grado di controllare il denaro. Ancora, una domanda da parte dei cittadini russi che stanno osservando la loro moneta, il rublo, collassare.

Nell’osservare questi 10 miliardi dobbiamo però anche considerare i volumi di vendita. Ad esempio, il giorno dell’invasione molti investitori hanno venduto i loro asset, Bitcoin compreso. Quel giorno, infatti, il prezzo di Bitcoin è sceso del 10%. Ma l’accento della questione è notare quanto, in un caso o nell’altro, Bitcoin stia diventando importante.

Ad ogni modo, pare che i cittadini ucraini non abbiano mai comprato Bitcoin così tanto. In un periodo di profonda crisi, gli ucraini si stanno rifugiando in Bitcoin per mettere al sicuro la propria ricchezza. Questo è un messaggio evidentemente importante.

Analisi della crescita di Bitcoin

Con il temporaneo tonfo in occasione dell’invasione russa, il prezzo di Bitcoin ha registrato un doppio minimo. Questo doppio minimo va a confermare che si potrebbe parlare di inversione di tendenza quando e se Bitcoin dovesse superare i 50.000 dollari. Ma perché il doppio minimo sia confermato, Bitcoin deve mantenersi più vicino possibile ai 45.000 dollari.

Ovviamente il prezzo può ancora scendere. Ma finché non scende sotto i 36.000 dollari, l’uptrend dell’ultimo periodo resta ancora confermato.

Una analisi di deVere Group, stima che nel mese di Marzo ci sarà una crescita di Bitcoin tale da farlo tornare proprio ai 50.000 dollari. Una crescita guidata dalla guerra in Ucraina e dall’aumento di investimenti istituzionali. Se questo scenario dovesse verificarsi, potremmo davvero assistere ad una inversione di trend.

Periodo di accumulazione

Glassnode rivela che moltissimi wallet stanno continuando ad accumulare Bitcoin. In particolare, i volumi di accumulazione sono guidati dagli investitori retail.

Recentemente, inoltre, il numero di persone che detengono almeno 0,01 Bitcoin ha raggiunto il massimo storico (9.565.197). Questo implica che la domanda sta continuando ad aumentare e sta, quindi, guidando la crescita del prezzo.

Le persone stanno capendo Bitcoin

Ci sono innumerevoli esempi di economie e Paesi che hanno osservato la loro valuta precipitare nel buio. Anche solo per un periodo. La recente guerra ha fatto semplicemente in modo di aggiungere il nuovo esempio della Russia. Risparmi persi, stipendi reali anche dimezzati, inflazione e controllo. Ma chi, in queste situazioni più o meno drammatiche, ha detenuto Bitcoin, è riuscito a cavarsela piuttosto bene.

Oltre a questo, le persone stanno capendo che Bitcoin è libero e disponibile per tutti quanti. Non ammette censure e controllo da parte di nessuno. Investire in Bitcoin è sempre rischioso, ma molti direbbero che è più rischioso non farlo.

Stay in the Loop

Get the daily email from CryptoNews that makes reading the news actually enjoyable. Join our mailing list to stay in the loop to stay informed, for free.

Latest stories

- Advertisement - spot_img

You might also like...