Cosmos blockchain: un ecosistema che si sta svegliando

La blockchain Cosmos è stata molto sottovalutata durante il 2021 così come la sua moneta, Atom. Sempre più, adesso, se ne inizia a parlare seriamente dopo le ultime notizie che hanno coinvolto la rete e il rialzo del prezzo della moneta.Cosmos si costituisce nel 2014 grazie a Jae Kwon e Ethan Buchman che hanno deciso di creare questa rete di tipo Proof of Stake. 


La missione di Cosmos 


L’idea dietro Cosmos è quella di creare una sorta di Internet delle blockchain in cui le diversi reti possano operare tra di loro. La rete principale (Cosmos Hub) ha il compito di far girare i dati sulle blockchain compatibili e connesse fornendo una sicurezza condivisa. Ognuna di queste blockchain compatibili (Zone) è in grado di gestire le proprie transazioni, generare token e configurare nuovi sviluppi. 

Cosmos

Inter-Blockchain Communication 


L’anno scorso c’è stato il punto di svolta per Cosmos. Dopo anni di lavoro, grazie al lancio della IBC, diventa finalmente possibile il fatto che diverse blockchain indipendenti possano scambiarsi dati tra di loro. Questo aspetto permette anche di scambiare monete da una blockchain all’altra, parte dell’ecocosistema Cosmos. Sempre nel 2021 arriva Osmosis, divenuto ora l’importante sistema di DeFi della blockchain Cosmos. 

Osmosis

Cosa ci si aspetta per il 2022


Leggendo il report di Cosmos “What’s Coming to Cosmos in 2022?” L’idea è ora quella di far crescere la Cosmos blockchain la quale, al momento, ospita circa 40 blockchain compatibili. L’obiettivo del team è quello di arrivare a circa 200. Sarà possibile ottenere sempre più ricompense utilizzando le diverse blockchain compatibili tenendo Atom in staking su Cosmos. Questa connessione estesa permette di rendere più forte la Proof of Stake della rete principale. Gran parte del circolante, tra l’altro, si blocca e questo permette alla moneta di crescere di prezzo. 


Nei prossimi mesi verrà anche introdotto il Liquid Staking, ovvero la possibilità di ottenere i reward derivanti dallo staking ma senza rinunciare alla liquidità fornita. Questo avviene attraverso un token derivato per una somma pari a quanto depositato in staking. 


Grazie alla già citata IBC, nel 2022 potremmo vedere connessioni sicure tra Cosmos e Bitcoin, Polkadot, kusama, Celo e altri ancora. Il flusso di asset tra queste reti dovrebbe creare molte opportunità per la scalabilità e per la crescita. 


Evmos e Umee


Evmos era prima noto come Ethermint. Si tratta del EVM Hub su Cosmos, tecnologia che permetterebbe agli EVM smart contract di comunicare all’interno dell’ecosistema Cosmos. Sarà anche lanciato Umee, il primo protocollo DeFi ad offrire una infrastruttura per le interazioni cross-chain. Attraverso Umee gli utenti potranno scoprire nuove opportunità di reward, prestare o prendere a prestito token e scoprire applicazioni DeFi.


Concludendo, Cosmos si sta svegliando. O meglio, sta per farsi sentire davvero, in quanto non è mai stata addormentata. Si tratta semplicemente di una realtà che, fino ad ora, è stata poco chiaccherata sebbene abbia sfornato idee e progetti molto interessanti. 

Stay in the Loop

Get the daily email from CryptoNews that makes reading the news actually enjoyable. Join our mailing list to stay in the loop to stay informed, for free.

Latest stories

- Advertisement - spot_img

You might also like...